Forse non tutti sanno che: 10 curiosità su “Cime tempestose” di Emily Brönte

Continua la rubrica “Forse non tutti sanno che”, grazie alla quale speriamo di farvi scoprire qualcosa in più sui romanzi più amati. Questo secondo post è dedicato a Cime tempestose di Emily Brönte. Scritto fra l’ottobre 1845 e il giugno 1846 e pubblicato per la prima volta nel 1847 con il titolo Wuthering Heights, questo è l’unico romanzo della seconda delle tre sorelle Brontë. A differenza dei romanzi di Jane Austen, ai quali viene spesso paragonata, questa storia di passione e vendetta se ne differenzia per la sua complessità e profonda intensità. Siete sicuri di sapere proprio tutto su questo grande classico della letteratura?

cime_tempestose-lastanza

 Ecco 10 curiosità che ho scovato per voi:

– Come prima cosa, l’errore più comune in cui incorre chi non ha letto questo romanzo è quello di ritenere che racconti una storia d’amore. Beh non è così! La pessima sorpresa per l’ignaro lettore è scoprire che in realtà i protagonisti di questo romanzo sono indubbiamente persone orribili che si combinano a vicenda cose altrettanto orribili. Non è ben chiaro come sia successo, ma l’idea che Cime tempestose racconti una storia d’amore non è altro che un malinteso storico. Specialmente nei primi adattamenti cinematografici, infatti, la storia raccontata da Emily Brönte è stata alquanto banalizzata, poiché l’amore tra Catherine e Heathcliff – che amore non è – viene enfatizzato al massimo. Il loro legame è sicuramente molto forte, ma si avvicina molto di più all’ossessione che al sentimento amoroso.

Catherine_Heathcliff_lastanza
Laurence Oliver e Merle Oberon nei panni di Heathcliff e Catherine

– Emily Brönte pubblicò il romanzo con lo pseudonimo di Ellis Bell.
Tutte e tre le sorelle Brontë, infatti, diffusero i loro libri d’esordio spacciandosi per i fratelli Bell: Charlotte si firmò “Currer Bell”, Emily si firmò “Ellis Bell” e Anne si firmò “Acton Bell”.
Le tre sorelle celarono la loro identità e i loro nomi perché temevano che altrimenti sia la critica che il pubblico avrebbero pregiudicato le loro opere. L’utilizzo degli pseudonimi, tuttavia, creò qualche problema, poiché alcuni studiosi attribuirono erroneamente a Charlotte Brontë non solo Jane Eyre, ma anche lo stesso Cime tempestose.

– Sembra che l’editore Thomas Newby avesse suggerito a Emily e Anne Brönte di inserire un unicorno nella storia di “Cime Tempestose” e un drago in “Agnes Grey”. La risposta di Emily fu che, pur rispettando la sua ammirazione per “Jane Eyre”, il suo romanzo era di tutt’altro calibro. “Mentre Jane Eyre racconta la storia di due amanti che alla fine riescono a trovare la felicità nonostante le circostanze e i dettami della società, il mio narra la storia di due amanti lacerati dalle circostanze e dalla società. (…) Un unicorno, creatura sublime e fantastica, è un simbolo di quella bontà e di quella purezza che rimane imprigionata all’interno di Heathcliff, come in tutti noi. Resta il fatto che, per la sua stessa natura, non ha nessun legame con la storia. Forse sarebbe adatto alle storie di fantasia per bambini, ma inserire una creatura del genere nel mio romanzo gli toglierebbe tutto il suo valore letterario.” (n.d.r. la traduzione è mia, siate clementi).

Cime tempestose, pur essendo stato scritto in età vittoriana, si caratterizza per un’ambientazione ben definita, ma completamente al di fuori dello spazio e del tempo. Pur sviluppandosi la storia nell’arco di trent’anni, infatti, la narrazione si svolge interamente tra le tenute di Wuthering Heights e Thrushcross Grange. Catherine e Heathcliff ci appaiono dunque come completamente isolati dal mondo reale.

Wuthering-Heighs-lastanza
La tenuta di Wuthering Heights

– Il più grande mistero di Cime tempestose è e resterà sempre Heathcliff. Di lui infatti sappiamo solo che ha capelli e occhi scuri e che, al suo arrivo presso la tenuta di Wuthering Heights parla una lingua che nessuno capisce. Molti critici si sono interrogati su di lui, arrivando a supporre che avesse origini irlandesi o africane. Sappiamo infatti che Mr. Earnshaw lo trovò a Liverpool che all’epoca era il porto più importante d’Inghilterra per quanto concerneva la tratta degli schiavi africani e l’immigrazione dall’Irlanda. Per tale motivo, in uno dei più recenti adattamenti cinematografici del romanzo (diretto dal regista Andrea Arnold del 2011) il ruolo di Heathcliff fu per la prima volta assegnato a un attore di colore, James Howson.

– Il romanzo comunica continuamente al lettore un senso di estraniazione e di claustrofobia. A ciò contribuisce sicuramente l’utilizzo ripetuto dei nomi! Abbiamo infatti: Catherine Earnshaw, Catherine Linton, Edgar e Isabella Linton, Hindley Earnshaw, Hareton Earnshaw, Heathcliff e, infine, Linton Heathcliff. I personaggi, tutti interconnessi tra loro, hanno evidentemente nomi molto simili che costringono il lettore ad uno sforzo non indifferente.

cime_tempestose_cast-lastanza
Una mappa dei personaggi di “Cime tempestose”

– Al momento della pubblicazione nel 1847, i giudizi su Cime tempestose non furono unanimi. Una parte della critica, nonostante lo considerasse un romanzo confuso, ne apprezzò la struttura complessa e moderna. Un’altra parte, invece, definì il romanzo di Emily Brontë una storia di “selvaggi” privi di qualsiasi senso morale. Alcuni critici arrivarono al punto di consigliare ai loro lettori di bruciare “Cime tempestose” e dedicarsi alla lettura di un romanzo di gran lunga migliore: Jane Eyre; altri addirittura si dissero stupiti al pensiero che la gente fosse riuscita a leggere più di una dozzina di capitoli senza tentare il suicidio.

– Charlotte Brontë, dopo la morte delle sorelle Emily e Anne, continuò a promuoverne le opere. Nella prefazione a un’edizione di Cime tempestose del 1850, nel tentativo di rispondere alle critiche mosse al romanzo, finì tuttavia per sminuire il genio creativo della sorella. Per giustificare le passioni negative di cui il romanzo è permeato scrisse che durante la stesura del romanzo Emily fu posseduta da una sorta di forza sovrannaturale.

– Sono sette gli adattamenti di Cime tempestose realizzati tra cinema e televisione. La prima e più famosa è quella del 1939, in cui Cathy e Heathcliff sono interpretati rispettivamente da Merle Oberon e Laurence Oliver. Nel 1954 il visionario Buñuel con Abismos de pasión trasportò la storia del romanzo nelle terre del surrealismo. Nel 1970 sarà Timothy Dalton a vestire i panni di Heathcliff. L’adattamento cinematografico del 1992 – con Ralph Fiennes e Juliette Binoche nei panni dei due protagonisti – fu invece il primo a mostrare la storia nella sua interezza. Nel 1953 la BBC realizzò il primo adattamento televisivo del romanzo, mentre nel 2004 fu la RAI a mandare in onda una miniserie di Cime tempestose diretta da Fabrizio Costa. L’ultima e più recente trasposizione è il già citato film del 2011 diretto da Andrea Arnold e presentato alla 68ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

Ralph Fiennes e Juliette Binoche nei panni di Heathcliff e Catherine
Ralph Fiennes e Juliette Binoche nei panni di Heathcliff e Catherine
– Nel 1992 Bernard J. Taylor traspose la storia del celebre romanzo di Emily Brönte in un musical. Lo spettacolo dall’originale inglese fu tradotto in altre sei lingue per essere rappresentato, oltre che in Inghilterra, anche in America, Olanda, Germania, Polonia, Romania, Australia e Nuova Zelanda.

Giulia Astarita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...